Carducci Bari

Da Inspire.
Versione delle 22:27, 13 lug 2009, autore: Ronchip (Discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Indice

Scuola secondaria di I° grado "CARDUCCI" DI BARI

Dirigente prof. Rosa Angela Ferrara

COORDINATRICE SCOLASTICA PROF. ROSY PAPARELLA

La Scuola ed il suo territorio

La Scuola Media Carducci ha sede nel centro della città di Bari in una posizione di crocevia fra tre quartieri: Murat, Libertà, San Nicola, che presentano caratteristiche strutturali e sociali piuttosto diverse. Gli alunni che frequentano la scuola risiedono nei tre quartieri suindicati, ma numerosi sono i ragazzi che provengono da altre zone della Città (tra queste, in particolare dai quartieri San Girolamo e San Paolo) e in qualche caso anche dai paesi dell'hinterland cittadino, anche per la vicinanza del luogo di lavoro dei genitori.

Si tratta quindi di un'utenza variegata, un microcosmo che riproduce i cambiamenti, le contraddizioni, i problemi del tessuto sociale barese. La scuola media statale “Carducci” è ospitata fin dal 1974 in un edificio costruito intorno ai primi anni del novecento, dal 1925 al 1973 sede del prestigioso istituto Di Cagno Abbrescia dei padri Gesuiti, dove generazioni di futuri dirigenti hanno frequentato il liceo classico. Anche per questo, probabilmente, per anni la scuola ha assunto, nella percezione collettiva di molti cittadini, l'immagine di scuola prevalentemente di tipo umanistico. Negli ultimi 10 anni tuttavia, si stanno vitalizzando le progettualità in campo scientifico-tecnologico, con la partecipazione ai progetti SeT, l'organizzazione di mostre interattive di scienze e con un cospicuo investimento nelle TIC.

L'esperienza INSPIRE 2008/09

docenti coinvolte: Rosy Paparella Lidia Musano Mariangela Federico

Numero classi: 5 ( due terze e tre prime) Numero alunni coinvolti : 130

PUNTI di FORZA dell'esperienza:

- I ragazzi hanno risposto con entusiasmo alle proposte di lavoro, attivando numerosi momenti 

di discussione ed elaborazione collettiva! -Molti di loro hanno utilizzato i materiali anche a casa, spesso coinvolgendo genitori e familiari nelle attività - Particolare successo risulta aver avuto il L.O. Habitats [1]: perchè molto vario,articolato e graficamente molto accattivante - E' stato importantissimo il lavoro in rete, sia quello interno alla scuola che quello con la coordinatrice nazionale, disponibile a supportarci nei momenti di difficoltà così come prezioso tramite del resto della rete europea!

PUNTI di Debolezza...ahimè, servono per migliorare...!

- le due aule di informatica della scuola sono risultate per quasi tutto l'anno sprovviste di una connessione "affidabile" (problema tecnico che abbiamo tentato più volte di risolvere), e questo ha creato inconvenienti soprattutto rispetto all'organizzazione del lavoro, che avevamo progettato fosse strutturato con un PC per ogni due alunni. In realtà la capacità di adattamento creativo nostra, e dei ragazzi ha consentito di sperimentare adeguatamente i L.O. anche con gruppi più numerosi. Abbiamo anzi osservato che si sono create forme di cooperazione spontanea all'interno dei gruppi, che sono stati costituiti in genere da 4-5 alunni.

Strumenti personali
Istruzioni
Oggetti di apprendimento